L'ITALIA CHE NON CRESCE PIU'

09/09/2016 - Da una parte l'Istat che certifica la crescita zero, dall'altra l'ottimismo di Renzi che crede nelle potenzialità del paese.In Italia la crescita è 0 (zero), 3 milioni di famiglie vivono sotto la soglia di povertà, 11 milioni di cittadini rinunciano a curarsi, il debito pubblico raggiunge il record di 2.248 miliardi e un parlamento eletto con una legge incostituzionale trascorre due anni a devastare la Costituzione. Ma il vero problema è Di Maio che sbaglia un congiuntivo. Poi se un sindaco (Renzi) viene nominato premier senza passare dalle elezioni dopo che aveva promesso di passare dalle elezioni, va tutto bene. E se un ministro (Boschi) va in tv dicendo che «siamo dalla parte della magistratura» quando fino a poche ore prima il suo partito (Pd) votava a braccetto con altri per salvare un senatore (De Siano) dall'arresto, va ancora meglio.