LA 'NDRANGHETA IN PARLAMENTO, OPERAZIONE MAMMA SANTISSIMA

Un titolo così dovrebbe farci rabbrividire. Eppure l'assuefazione sembra aver colpito molti italiani. L'assuefazione è pericolosissima. E' un'alleata dei corrotti, dei mafiosi, di tutti quei potenti che si nutrono dell'indolenza dei cittadini. Costoro godono se un italiano in più si “abitua” al malaffare. Costoro gioiscono se un italiano in più pronuncia le parole: “tanto con cambia nulla”. Costoro esultano se un italiano in più smette di scandalizzarsi se l'anti-mafia chiede l'arresto di un senatore. Sono giorni complicatissimi e forse questa notizia è passata sotto traccia ma la direzione Distrettuale antimafia di Reggio Calabria ha scoperto una cupola segreta della 'ndrangheta. Si tratta di una struttura capace di interagire con le istituzioni. Le cosche si fanno Stato insomma e piazzano i loro uomini in Parlamento, nei consigli regionali o comunali. E di chi faranno gli interessi costoro? Dei cittadini o delle cosche che li hanno “ingaggiati”?

Il Generale Giuseppe Governale, comandante dei ROS (il Raggruppamento operativo speciale dell'Arma dei Carabinieri) dice: «C'è una struttura della 'ndrangheta che costruisce uomini per infiltrare il mondo istituzionale. E lo fa al comune di Reggio Calabria, alla provincia di Reggio Calabria, alla Regione Calabria, tenta di farlo al Parlamento nazionale e tenta di farlo al Parlamento europeo. E' una strategia programmatica che vuole alterare l'equilibrio democratico degli organi costituzionali».

Si tratta insomma di una componente riservata dove operano gli “invisibili” i quali dettano la linea ai livelli più bassi dell'organizzazione criminale. Oggi questi invisibili sono visibili. Tra questi l’ex sottosegretario regionale Alberto Sarra (arrestato 2 giorni fa) e il senatore di Gal (ex PDL e NCD) Antonio Stefano Caridi.
C'è un senatore quindi accusato di mafia per il quale la procura ha chiesto l'arresto. Per arrestare un parlamentare ci vuole l'autorizzazione della Camera di cui fa parte (in questo caso appunto il Senato). 

Il Presidente del Senato Grasso faccia di tutto perché si voti la richiesta di arresto per Caridi il prima possibile e non dopo l'estate!  di Alessandro Di Battista (M5S)