Catania, spedizione punitiva in ospedale: medico aggredito da 9 persone

Il medico picchiato in ospedale «Sono dovuto fuggire da Catania»Il video dell’aggressione in corsia. Il blitz a Capodanno al pronto soccorso dell’ospedale «Vittorio Emanuele». Parla il medico: «Io sono la vittima, ma la polizia mi ha consigliato di andarmene» È terrorizzato il medico aggredito la sera di Capodanno al pronto soccorso del Vittorio Emanuele, in questo inferno di Catania da dove è «in fuga per sicurezza». In fuga? «Sì, qui scappa chi viene aggredito», commenta amaro da una città lontana Rosario Puleo, occhi pesti per pugni e ceffoni, il torace dolorante. «Mi hanno lasciato solo. Già la notte del pestaggio quando ho dovuto chiamare dei familiari perché mi scortassero fino a casa. Poi, quando hanno arrestato il capobanda e denunciato altri quattro dello squadrone composto da almeno dieci persone, dalla polizia è arrivato il consiglio di allontanarmi. E io sono andato via con moglie e figli...».